Cosa sono le biglie e perché i conducenti NASCAR cercano di evitarle?

  • Vova Krasen
  • 0
  • 3170
  • 666
Se questi due conducenti fossero nelle biglie, sicuramente lo saprebbero ormai. Jamie Squire / -Getty Images Sport

-Nessuno sa veramente chi in NASCAR abbia coniato per primo il termine marmi, ma è una buona scommessa, chiunque l'abbia fatto, probabilmente si è sentito come se ne avesse semplicemente investito qualcuno durante una gara.

Se hai mai visto una gara NASACAR e sentito le emittenti parlare di un pilota che correva su alcune biglie, non stanno parlando delle piccole sfere di vetro con cui i bambini giocavano negli anni '50. Ciò a cui si riferiscono sono i piccoli pezzi di gomma che si staccano dai pneumatici e si accumulano vicino al muro esterno di una pista. Sulle piste ovali dei tre circuiti principali della NASCAR, Craftsman Truck, Nationwide e Sprint Cup Series, le pareti fungono da barriere per impedire a questi pezzi di gomma di lasciare la superficie di gara. Diversi fattori rendono alcune piste peggiori di altre, ma l'effetto rimane lo stesso: un'auto che attraversa le biglie scivola e scivola dappertutto. Penseresti che la gomma su gomma sarebbe una buona cosa. Dopo tutto, più gomma significa più trazione, giusto? Sbagliato. I Goodyear Racing Eagles, gli pneumatici utilizzati esclusivamente nelle tre serie NASCAR, sono estremamente sensibili e non sorprende che perdano aderenza quando non sono a diretto contatto con asfalto o cemento.

-Alcune piste, come il Bristol Motor Speedway del Tennessee, il Dover International Speedway del Delaware e il Darlington Raceway nella Carolina del Sud, sono più favorevoli all'usura dei pneumatici a causa dell'abrasività delle piste. Tutti i tracciati tranne due, i percorsi stradali a Sonoma, in California e Watkins Glen, N.Y., sono ovali e hanno muri esterni che fungono da barriere per intrappolare le biglie sulla superficie della corsa. Le biglie sono particolarmente diffuse sulle piste che ne hanno solo una scanalatura da corsa. È più evidente durante i periodi di bandiera gialla o giri di cautela quando le auto si muovono da un lato all'altro. Questo comportamento può sembrare irregolare, ma i conducenti stanno semplicemente pulendo i pneumatici.

-Alcuni fan delle corse potrebbero pensare che questi pezzi di gomma siano chiamati biglie perché hanno dimensioni e forma simili. Per quanto comoda possa essere questa spiegazione, la verità è che i conducenti le chiamano biglie perché è esattamente quello che si sentono mentre ci passano sopra. Nella pagina successiva scopriremo perché si formano le biglie, quali piste sono note per avere le peggiori biglie e cosa fanno i piloti per evitare di investirle. Che tu ci creda o no, le gare sono state vinte e perse a causa di questi pezzi di pneumatici usati apparentemente innocui.

I piloti spesso si muovono da un lato all'altro della pista per togliere le biglie dai pneumatici. Jamie Squire / -Getty Images Sport

-Per capire come si formano le biglie, diamo un'occhiata alla scienza dietro i pneumatici da corsa. Goodyear Racing Eagles, come tutti i pneumatici da corsa, sono realizzati con un mescola di gomma contenente elastomeri (polimeri elastici) che possono allungarsi e tornare alla loro forma originale [fonte: Britannica]. Altri componenti che entrano in uno pneumatico includono riempitivi e agenti di fissaggio della gomma. Questi agenti riempitivi determinano la morbidezza e l'aderenza del pneumatico.

I pneumatici perdono trazione durante una gara. Durante uno stint di pneumatici, le gomme subiscono un cambio di composizione. Il calore è la ragione principale di questo cambiamento o dell'usura degli pneumatici. Quando si aggiunge calore a uno pneumatico, si verificano diverse reazioni chimiche. Per uno, il pneumatico vulcanizza, o cure. Gli pneumatici consegnati in pista dallo stabilimento Goodyear di Akron, Ohio, sono progettati per quella specifica pista. Alcuni pneumatici sono polimerizzati più a lungo di altri, a seconda della quantità di calore che la pista metterà in uno pneumatico. In ogni caso, uno pneumatico subisce un cambiamento chimico quando polimerizza: poiché il calore modifica le proprietà chimiche degli elastomeri, le molecole cambiano il loro orientamento. Quando ciò accade, il pneumatico non ha altra scelta che consumarsi. La gomma in eccesso o usurata forma i marmi.

Da quando le piste di Darlington e Bristol sono state ripavimentate, l'usura dei pneumatici è diminuita negli ultimi anni. Ma quando il tempo condisce una pista, le sue caratteristiche abrasive ritornano. È solo questione di tempo prima che una pista come Darlington, tradizionalmente considerata la superficie più abrasiva della NASCAR, riconquisti la sua reputazione di grattugia su pneumatici. Per la maggior parte, i piloti NASCAR percorrono il bordo inferiore della pista. In altre parole, il ritmo delle corse, o corsia di sorpasso, è intorno al fondo. Quando ciò accade, la scanalatura superiore può essere molto pericolosa. I conducenti si riferiscono a quest'area come la parte sporca della pista. Ecco dove sono le biglie.

Inutile dire che ai piloti non piace correre nelle biglie. Il più delle volte, un pilota che guida nel solco alto o nelle biglie è costretto lì contro la sua volontà. Due auto non possono occupare lo stesso posto in pista. Qualcosa deve dare, giusto? I conducenti hanno due scelte a questo punto: schiantarsi o guidare nelle biglie. Quando un pilota è costretto a entrare nella parte sporca della pista, tende a tirare indietro l'acceleratore e guidare con cautela per un giro o due finché le gomme non sono pulite. È solo dopo che un pilota si sente come se le gomme fossero libere da detriti che torna sull'acceleratore e ricomincia a correre forte.

Ora, a proposito di quella tecnica di tessitura: questo comportamento è solo una delle tecniche che i driver NASCAR impiegano per combattere le biglie. Abbiamo già visto come il calore cambia la mescola del pneumatico: le gomme diventano molto morbide alle alte velocità. Quando i conducenti viaggiano alla velocità di una macchina da corsa con cautela, guidano solo tra 60 e 70 mph. Gli pneumatici da corsa sono progettati per viaggiare ad alte velocità e dipendono dal calore per l'aderenza. Quando si raffreddano subiscono ulteriori modifiche. Le gomme calde e appiccicose raccoglieranno tutto lo sporco e i detriti su cui investono, un po 'come il nastro adesivo raccoglie i pelucchi. I piloti guideranno fianco a fianco nel tentativo di rimuovere il maggior numero di detriti possibile prima che la gara riprenda. Solo allora un pilota si sentirà sicuro che l'auto è pronta per correre a 200 mph e, con un po 'di fortuna, nella corsia della vittoria.

Per ulteriori informazioni sui pneumatici e altri articoli relativi a NASCAR, visitare la pagina successiva.

Articoli correlati su come funzionano le cose

  • Come funzionano gli pneumatici
  • Come funziona NASCAR
  • Circuiti automobilistici NASCAR
  • Come funziona la sicurezza NASCAR
  • Come funzionano le auto da corsa NASCAR
  • Driver NASCAR
  • Come funziona la tecnologia dei pneumatici NASCAR

Altri ottimi link

  • Il sito Web ufficiale di Goodyear Racing
  • Il sito Web ufficiale della NASCAR
  • Stock Car Racing Magazine in linea

fonti

  • Encyclopedia Britannica in linea. "Elastomeri." (17 agosto 2008) http://www.britannica.com/EBchecked/topic/182081/elastomer
  • Tecnologia da corsa interna. "Il pneumatico da corsa e ad alte prestazioni." Marzo 2004. (13 agosto 2008) http://www.insideracingtechnology.com/tirebkexerpt3.htm

-




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto