La siccità influirà sul prezzo dell'etanolo?

  • Gyles Lewis
  • 0
  • 3291
  • 703
Un solitario germoglio di mais fa il suo debutto in Illinois. I raccolti di mais sono esplosi per soddisfare la crescente domanda di etanolo. Scott Olson / Getty Images

Nel suo Essay on the Principle of Population del 1798, l'economista politico inglese Thomas Robert Malthus concluse che noi esseri umani siamo condannati a sopportare cicli di innovazione, crescita e massiccia carestia mentre superiamo le nostre risorse disponibili. Gli economisti successivi si sono guadagnati la fama screditando la sua metodologia, ma numerose carestie localizzate in tutto il mondo si sono manifestate, più o meno convalidando i modelli descritti da Malthus. Nel corso del tempo, il termine "economia malthusiana" è arrivato a descrivere qualsiasi scenario cupo in cui una popolazione supera i mezzi per nutrirla.

Avanti veloce ai tempi moderni. Il mondo si trova ancora una volta di fronte a un dilemma malthusiano, ma con una svolta: forti tensioni politiche sono sorte quando le condizioni meteorologiche estreme di siccità e inondazioni hanno minacciato il raccolto di mais, un alimento fondamentale in tutto il mondo. Con i prezzi del petrolio in aumento e in calo quasi a piacere, la pressione economica per produrre etanolo, un carburante alternativo derivato dal mais per auto e camion, ha raggiunto livelli record.

Chiunque si rechi al lavoro o presti attenzione alle notizie sa che i trasporti sono diventati la linfa vitale dell'economia moderna. Di conseguenza, continua a crescere la domanda di combustibili che possano sostituire o almeno integrare il petrolio utilizzato per produrre la benzina.

-

-Il mais, nel frattempo, rimane uno dei componenti più efficaci e ricercati nella produzione di etanolo. Il mais è una materia prima indispensabile per la produzione di numerosi alimenti che nutrono sia il bestiame che le persone. Naturalmente, questo pone la domanda: cosa succede all'etanolo quando c'è un pessimo raccolto di mais? Cosa succede alle persone affamate quando i coltivatori di mais guadagnano più soldi vendendo il loro raccolto per la produzione di etanolo di quanto non farebbero vendendolo per il cibo?

L'economia e persino l'etica dell'etanolo sono state oggetto di accesi dibattiti, e probabilmente lo saranno per qualche tempo. Tuttavia, possiamo trarre almeno alcune conclusioni sugli effetti dell'etanolo nel mercato globale, sulla base di un numero crescente di studi. Questo articolo esamina il ruolo cruciale che "King Corn" gioca mentre il mondo valuta il suo bisogno di nutrirsi contro il suo bisogno di alimentare la domanda per sostituire il petrolio.

-

Contenuti
  1. Connessione del mais ai prezzi dell'etanolo
  2. Paura della siccità
  3. Lo sforzo per incoraggiare l'etanolo
  4. Cibo o carburante

La produzione di etanolo è già un'industria multimiliardaria con un ecosistema economico che include agricoltura, produzione, trasporti e altri settori. Poiché così tanti soldi e così tanti posti di lavoro dipendono da questo settore in continua espansione, molte persone hanno studiato le condizioni che potrebbero avvantaggiare o danneggiare il business dell'etanolo.

Una delle maggiori preoccupazioni è cosa accadrebbe se qualcosa interrompesse la fornitura di mais, una delle principali materie prime per l'etanolo. La siccità - un'estrema mancanza di pioggia insolitamente prolungata - rappresenta un'ovvia minaccia.

In effetti, uno studio fondamentale in materia suggerisce una forte correlazione tra siccità, basse rese di mais e prezzi più elevati dell'etanolo. In quello studio del marzo 2008, i ricercatori della Iowa State University hanno scoperto che: 

  • I prezzi del mais sono "inestricabilmente legati" all'industria statunitense dell'etanolo, che dipende dai sussidi governativi e dai mandati per essere competitiva con altri combustibili.
  • Una grave siccità farebbe aumentare i prezzi del mais così in alto che i produttori di etanolo dovrebbero chiudere i loro impianti di produzione di carburante.
  • La produzione di etanolo probabilmente non soddisferebbe i requisiti federali se si verificasse una grave siccità.

[fonte: McPhail e Babcock]

Anche se il governo cerca di incoraggiare l'etanolo, gli agricoltori e le aziende respingono facendo pressioni sul Congresso per considerazioni speciali. Ecco uno sguardo semplificato ad alcune di quelle offerte: i produttori di energia alternativa sostengono di aver bisogno di sussidi sui prezzi - in altre parole, sgravi fiscali - sulla loro produzione per competere sul mercato con carbone, petrolio e altri combustibili radicati (tutti che ottengono i propri sussidi finanziati dai contribuenti). Il governo ha ascoltato. L'Energy Act del 2005 concede crediti d'imposta per un assortimento di combustibili, compreso un credito d'imposta di 51 centesimi per gallone per le aziende che producono etanolo.

Inoltre, l'Energy Independence and Security Act del 2007 (EISA) ha cercato di alimentare la domanda di etanolo degli agricoltori. Sotto EISA, il governo richiede ai produttori di carburante di introdurre nove miliardi di galloni di biocarburante nella fornitura di carburante della nazione nel 2008. Che cos'è il biocarburante? Il biocarburante è il termine "catchall" per i combustibili che possono essere coltivati ​​o rinnovati da fonti biologiche, inclusi etanolo, biodiesel e combustibili raffinati da rifiuti solidi.

-Il mandato EISA aumenta ogni anno le aspettative sui produttori di carburante, culminando in un fabbisogno di biocarburanti da 36 miliardi di galloni nel 2022-. L'idea è quella di rendere l'etanolo una parte significativa della fornitura di carburante per i trasporti negli Stati Uniti. I responsabili politici affermano che questo ridurrà la dipendenza degli Stati Uniti dalle fonti di petrolio straniere.

Il ricercatore della Iowa State University Bruce Babcock ha inoltre dichiarato alla Commissione per l'agricoltura, l'alimentazione e la silvicoltura del Senato degli Stati Uniti nell'agosto 2008:

-"La nostra decisione di incoraggiare l'espansione della produzione di biocarburanti ha cambiato l'economia dell'agricoltura collegando i mercati dell'energia e dei mangimi. Non ci sono dubbi sul fatto che vedremo la produzione di biocarburanti da mais e olio vegetale soddisfare i livelli obbligatori" [fonte: Babcock].

La testimonianza di Babcock, tuttavia, ha minimizzato una contingenza menzionata nel documento di ricerca che ha co-scritto all'inizio dell'anno. Una grave siccità, afferma il giornale, aumenterebbe i prezzi del mais del 50% se i produttori di carburante dovessero ancora rispettare il mandato dell'EISA sui biocarburanti. Questo perché i produttori di alimenti competerebbero ancora più febbrilmente con i produttori di carburante per acquistare mais.

Durante la maggior parte della storia documentata, l'umanità ha considerato la siccità e altre catastrofi meteorologiche come "atti di Dio" inevitabili. Ma alcuni scienziati dicono che potremmo invitare noi stessi a siccità gravi e prolungate. Per scoprire perché, vai alla pagina successiva.

Forse dovremmo considerare il car pooling

Se pensi che nove miliardi di galloni in un anno sembrino un sacco di carburante, considera questo: gli Stati Uniti consumano così tanta benzina in 23 giorni [fonte: Energy Information Administration].

I coltivatori di mais, comprensibilmente, temono la prospettiva di una siccità.

Quindi, quando i meteorologi del governo hanno previsto forti possibilità di una siccità nel 2008 a causa delle condizioni meteorologiche prevalenti "La Niña", il mondo agricolo statunitense è andato in allerta. Questo perché La Niña, un fenomeno meteorologico compagno del più noto El Niño, è responsabile di portare condizioni di siccità periodica negli Stati Uniti sud-occidentali.

-Si ritiene che La Niña sia responsabile della Dust Bowl degli anni '30 - raccontata in modo emozionante da John Steinbeck in The Grapes of Wrath - e delle gravi siccità durante gli anni '50 [fonte: Swaminathan].

Sebbene non abbiamo sperimentato condizioni meteorologiche così estreme nel 2008, i coltivatori di mais negli Stati Uniti sud-occidentali hanno avuto uno spavento all'inizio della stagione di crescita, quando le inondazioni di giugno hanno sommerso una buona parte dei campi bassi. Tuttavia, il clima quasi perfetto per il resto dell'estate ha contribuito a ciò che l'USDA e i gruppi di agricoltori dicono potrebbe essere un raccolto quasi record.

Sembra una buona notizia, ma ecco la cattiva notizia: gli scienziati avvertono che la siccità simile a un Dust Bowl potrebbe colpire regolarmente questo secolo a causa del cambiamento climatico indotto dall'uomo. Secondo i modelli sviluppati dagli scienziati dell'Osservatorio terrestre Lamont-Doherty della Columbia University, la siccità permanente potrebbe insediarsi sul Messico e su un'ampia fascia degli Stati Uniti sudoccidentali intorno al 2020. Due delle dozzine circa dei principali stati produttori di mais, Kansas e Nebraska, cadono sotto la fascia atmosferica, secondo gli scienziati, è in pericolo di siccità permanente [fonte: Seager, et al. ]. La Corn Belt, un'area che comprende i maggiori produttori Iowa, Illinois, Nebraska, Minnesota, Indiana, Wisconsin, South Dakota, Michigan, Missouri, Kansas, Ohio e Kentucky, non è estranea a periodiche siccità devastanti. Il clima arido nel 1988 e nel 2006 ha lasciato gli agricoltori di questa regione vacillare e fare confronti con il Dust Bowl degli anni '30. Ma nel complesso, gli agricoltori fanno affidamento su precipitazioni adeguate per produrre una sovrabbondanza di mais.

Prima dell'aumento della domanda creato dall'etanolo alcuni anni fa, i coltivatori di mais statunitensi in genere raccoglievano abbastanza mais per soddisfare la domanda dell'anno, oltre a una notevole riserva che potrebbe essere utilizzata in caso di emergenza. Una fonte di lieve brontolio all'interno della comunità dei coltivatori di mais è che l'offerta di riserva si è ridotta ogni anno a causa della maggiore domanda da parte dei produttori di etanolo. Negli ultimi due decenni, quasi il 16% del raccolto totale di mais è stato tenuto come riserva. Nel 2008, se le proiezioni del Dipartimento dell'Agricoltura saranno vere, la riserva sarà più vicina al 6% [fonte: Kub].

Sappiamo che il mais gioca un ruolo vitale nell'economia della nostra nazione. Quando c'è un problema con il raccolto di mais, gli effetti di quel problema si fanno sentire in lungo e in largo. Per ulteriori informazioni sui numerosi mercati che si affidano al mais, vai alla pagina successiva.

-

Regno di mais

Il mais è un grande affare negli Stati Uniti, per un valore di 52 miliardi di dollari nel 2007 dalla sola agricoltura [fonte: Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti]. Secondo la National Corn Growers Association, i ricercatori hanno identificato circa 3.500 usi per il mais. Eccone alcuni: 

Cibo:

  • "Mais dolce" mangiato come pannocchie, mais baby, fresco e in scatola
  • Sciroppo di mais ad alto contenuto di fruttosio e fruttosio cristallino usati come dolcificanti
  • Utilizzato per produrre vitamine e aminoacidi
  • Usato come mangime per il bestiame
  • Amido di mais utilizzato per legare gli ingredienti alimentari tra loro

Industria:

  • Amido di mais usato per fare carta e cartone
  • Il mais è sempre più utilizzato per sostituire il petrolio in prodotti come vernici e inchiostri da stampa
  • Utilizzato in acetato di calcio e magnesio, un prodotto per la rimozione del ghiaccio stradale non corrosivo
Un pozzo di petrolio si trova nel mezzo di un campo di grano dell'Illinois. Lo stato è ora uno dei principali produttori di etanolo del paese. Scott Olson / Getty Images

-

-La produzione di etanolo crescerà nei prossimi anni per molte ragioni. Perché? Perché la legge lo richiede.

L'Energy Independence and Security Act del 2007 (EISA) stabilisce i mandati per la produzione e l'utilizzo di etanolo. La legge include anche obiettivi per la produzione di energia solare, eolica e carbone. Il suo obiettivo è ridurre la quantità di risorse energetiche che gli Stati Uniti devono importare per soddisfare i propri bisogni.

Tuttavia, l'attenzione all'etanolo ha anche sollevato l'ira di ambientalisti e alcuni leader di organizzazioni internazionali che affermano che la domanda di produzione di etanolo per il mais sta contribuendo alla fame nel mondo. L'editorialista del New York Times Paul Krugman ha letteralmente demonizzato l'etanolo, prendendo di mira una colonna che incolpava la produzione di etanolo per le rivolte alimentari in tutto il mondo.

"Dove gli effetti di una cattiva politica sono più evidenti, tuttavia, è nell'ascesa dell'etanolo demoniaco e di altri biocarburanti", ha scritto Krugman. Ha aggiunto: "La terra usata per coltivare materie prime per biocarburanti è terra non disponibile per coltivare cibo, quindi i sussidi ai biocarburanti sono un fattore importante nella crisi alimentare. Potresti metterla in questo modo: le persone muoiono di fame in Africa in modo che i politici americani possano votare in tribunale. negli stati della fattoria "[fonte: Krugman].

Più importanti economisti si sono opposti all'aumento della produzione di etanolo. L'economista Jeffrey D. Sachs si è scagliato contro "la politica sbagliata negli Stati Uniti e in Europa di sovvenzionare la diversione delle colture alimentari per produrre biocarburanti come l'etanolo a base di mais" [fonte: Sachs]. Jean Ziegler, il relatore speciale delle Nazioni Unite per il diritto all'alimentazione, è arrivato al punto di etichettare la produzione di biocarburanti "un crimine contro l'umanità", per il suo ruolo nell'aumento dei prezzi alimentari globali [fonte: Cendrowicz].

I sostenitori dell'etanolo dicono che tali discorsi ignorano le complesse variabili che determinano i prezzi del cibo, di cui il costo del grano effettivo (il mais è un grano) è solo una piccola parte. La National Corn Growers Association (NCGA) sostiene che c'è abbondanza di cibo per nutrire il mondo. Il problema è portare il cibo dove è necessario nonostante infrastrutture inadeguate o disordini politici nelle nazioni in cui le persone sono più affamate [fonte: National Corn Growers Association].

Il mais sembra essere il raccolto preferito negli Stati Uniti quando si tratta di produrre etanolo, ma non è l'unica fonte che i produttori di carburante possono utilizzare. In effetti, molti prodotti agricoli considerati rifiuti possono essere utilizzati per le scorte di etanolo. Scopri cosa sono nella pagina successiva.

Un agricoltore dell'Iowa mostra i suoi semi di mais poiché l'aumento della domanda di etanolo porta gli agricoltori a coltivare mais per la produzione di etanolo. Mark Hirsch / -Getty Images

-

Siamo ancora molto lontani dalla produzione di automobili che possono utilizzare i rifiuti domestici come carburante. Tuttavia, un giorno potrebbero esserci prodotti di scarto che consentono la produzione di etanolo senza compromettere l'uso del mais negli alimenti.

Scienziati all'avanguardia nella ricerca sull'etanolo stanno studiando modi per ottenere il combustibile dalla biomassa, sottoprodotti organici che normalmente potrebbero essere considerati inutili.

Questo cosiddetto etanolo cellulosico può essere ottenuto da paglia di grano e riso, panico verga, pasta di carta e prodotti di scarto agricolo come pannocchie di mais, agrumi, alghe e stocchi di mais. (Stover è il nome delle foglie e degli steli rimasti dopo la raccolta del mais.)

Gli ambientalisti bussano all'etanolo perché dicono che pone un'enfasi fuori luogo sulla coltivazione del mais per il carburante piuttosto che per il cibo. Dicono anche che fa poco per frenare le emissioni atmosferiche nocive, dal momento che i combustibili fossili devono essere bruciati per elaborare l'etanolo.

Ma l'etanolo cellulosico, se completamente sviluppato, potrebbe alleviare queste preoccupazioni. I sostenitori dell'etanolo cellulosico affermano che detiene il doppio del potenziale energetico dell'etanolo a base di mais o zucchero. Ciò significa che meno terra dovrebbe essere dedicata alla raccolta dei raccolti per il carburante. Inoltre, la produzione e l'utilizzo di etanolo cellulosico crea molte meno emissioni di gas serra rispetto all'etanolo a base di mais. Mentre l'etanolo standard riduce le emissioni nocive dal 20 al 30 percento rispetto alla benzina, l'etanolo a base di cellulosa riduce le emissioni dell'80 percento [fonte: Energy Information Administration]. Entro il 2008, una manciata di aziende, tra cui Western Biomass Energy L.L.C. e Iogen Corp., avevano istituito impianti per la produzione di etanolo cellulosico, con molti altri piani che annunciavano di seguirne l'esempio [fonte: Fehrenbacher].

Per maggiori informazioni sull'etanolo, dai un'occhiata ai link nella pagina successiva.

Articoli Correlati

  • L'etanolo è davvero più ecologico del gas?
  • Posso fare il mio etanolo?
  • I combustibili alternativi esauriranno le scorte globali di mais?

Altri ottimi link

  • Rompere il legame tra cibo e biocarburanti
  • Columbia University - Lamont-Doherty Earth Conservatory
  • Consiglio per la promozione e l'informazione sull'etanolo
  • Food First - Istituto per la politica alimentare e di sviluppo

fonti

  • Babcock, Bruce. "Dichiarazione davanti alla commissione per l'agricoltura, l'alimentazione e la silvicoltura del Senato degli Stati Uniti". Centro per lo sviluppo agricolo e rurale; Iowa State University. 18 agosto 2008. (accesso effettuato il 29 settembre 2008) http://www.card.iastate.edu/presentations/babcock.senateag.8-18-08.testimony2.pdf
  • Cendrowicz, Leo. "L'Europa è alle prese con i biocarburanti". TEMPO. Giovedì 8 maggio 2008. (Accesso 25 settembre 2008) http://www.time.com/time/business/article/0,8599,1738434,00.html?loomia_si=t0:a3:g2:r1 : c0.18673
  • Consiglio per la promozione e l'informazione sull'etanolo. "L'etanolo cellulosico è qui oggi e sta arrivando a una pompa vicino a te." (Accesso 23 settembre 2008) http://www.drivingethanol.org/about_us/team_epic.aspx
  • Fehrenbacher, Katie. "11 aziende che corrono per costruire impianti di etanolo cellulosico negli Stati Uniti". Earth2tech. 3 giugnord, 2008. (accesso effettuato il 22 settembre 2008) http://earth2tech.com/2008/06/03/12-competies-racing-to-build-cellulosic-ethanol-plants-in-the-us/
  • Gerstein, Josh. "La crisi alimentare eclissa il cambiamento climatico". Il New York Sun. 25 aprile 2008. (Accesso 23 settembre 2008) http://www.nysun.com/news/food-crisis-eclipsing-climate-change
  • Grunwald, Michael. "The Clean Energy Scam". TEMPO. Giovedì 27 marzo 2008. (Accesso 20 settembre 2008) http://www.time.com/time/magazine/article/0,9171,1725975,00.html
  • Krugman, Paul. "Grains Gone Wild". Il New York Times. 7 aprile 2008. (Accesso 21 settembre 2008) http://www.nytimes.com/2008/04/07/opinion/07krugman.html?_r=1&oref=slogin
  • Kub, Elaine. "Analisi del raccolto di mais complesso 2008". Rivista del produttore di etanolo. Ottobre 2008. (Accesso 1 ottobre 2008) http://www.ethanolproducer.com/article.jsp?article_id=4765
  • Malthus, Thomas Robert. "An Essay on the Principle of Population". J. Johnson. Londra. 1798
  • McPhail, Lihong Lu e Babcock, Bruce A. "Etanolo, mandati e siccità: approfondimenti da un modello di equilibrio stocastico del mercato del mais degli Stati Uniti". Centro per lo sviluppo agricolo e rurale, Iowa State University. Working Paper 08-WP 464, marzo 2008. (Consultato il 25 settembre 2008) http://www.card.iastate.edu/publications/DBS/PDFFiles/08wp464.pdf
  • Servizio nazionale di statistica agraria. Dipartimento dell'agricoltura degli Stati Uniti. "Mais, campo; Statistiche nazionali.". (Accesso 28 settembre 2008) http://www.nass.usda.gov/QuickStats/index2.jsp
  • National Agricultural Statistics Service, Dipartimento dell'Agricoltura degli Stati Uniti. "Crop Production". 12 settembre 2008. (Accesso 1 ottobre 2008). http://usda.mannlib.cornell.edu/usda/current/CropProd/CropProd-09-12-2008.pdf
  • National Corn Growers Association. "Domande frequenti." (Consultato il 29 settembre 2007) http://www.ncga.com/education/main/FAQ.html
  • Peer, Melinda. "Corn Chomps Into Etanol Producer 'Margins". Forbes.com. 18 giugno 2008. (Accesso effettuato il 20 settembre 2008) http://www.forbes.com/2008/06/18/ethanol-producers-closer-markets-equity-cx_mp_0618markets48.html
  • Sachs, Jeffrey D. "How to End the Global Food Shortage. TIME. Thursday, April 24, 2008. (Consultato il 24 settembre 2008) http://www.time.com/time/magazine/article/0,9171 , 1734834,00.html
  • Seager, Richard, et al. "Una transizione imminente verso un clima più arido nel Nord America sudoccidentale". Osservatorio Lamont-Doherty dell'Università della Columbia. Marzo 2007 (accesso effettuato il 28 settembre 2008) http://www.ldeo.columbia.edu/res/div/ocp/drought/science.shtml
  • Swaminathan, Nikhil. "Dust Bowl 2.0: il sud-ovest si sta prosciugando?" Scientific American. 5 aprile 2007 (accesso effettuato il 28 settembre 2008) http://www.sciam.com/article.cfm?id=southwest-america-drying-climate
  • Yousfi, Jennifer. "Money Morning - Rapporto sui prezzi del mais". Mattina di soldi. (Accesso 24 settembre 2008) http://www.moneymorning.com/money-morning-corn-price-report/



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto