Come funziona la MINI Cooper

  • Paul Sparks
  • 0
  • 1596
  • 238
Il concept drawing della prima Mini Cooper.  Copyright foto © 2002-2007 Keith Adams

Nel mondo automobilistico, i produttori tendono a sviluppare un modello di auto e quindi a modificarlo, reinventandolo ogni pochi anni per riflettere le mutevoli esigenze e desideri del mercato dei consumatori. Di tanto in tanto, arriva un modello di auto che in qualche modo rimane relativamente intatto per decenni. Queste vetture possono riunire una fedele banda di sostenitori e appassionati la cui passione per il modello potrebbe sembrare, a un estraneo, andare ben oltre i pregi dell'auto stessa. I fan si scrollano di dosso; sanno che stanno sostenendo il cavallo giusto.

In Inghilterra, la Mini è proprio un'auto del genere. Come il Maggiolino Volkswagen, il design della Mini è cambiato a malapena nei 40 anni in cui era in produzione. Poi, nel 2000, la Mini si è trasformata nella MINI Cooper, un'auto che promette di seguire le orme della Mini originale. In questo articolo esamineremo la storia di questa straordinaria piccola macchina. Vedremo come la MINI si è evoluta in una serie di piccoli cambiamenti e un paio di grandi trasformazioni ed esamineremo la cultura che è nata intorno all'auto.

La MINI Cooper di BMW può far risalire la sua storia al 1957, quando Leonard Lord, presidente della British Motor Corporation (BMC), decise di sviluppare una piccola auto affidabile ed efficiente per i consumatori. A quel tempo, la Gran Bretagna era nel mezzo di una crisi petrolifera e le auto a basso consumo di carburante divennero una necessità. La maggior parte di queste auto aveva motori sotto i 700 cc (centimetri cubi) e furono chiamate microcar (noto anche come bubble car). La maggior parte è stata prodotta in Germania ed era spesso difficile e pericolosa da guidare. Lord ha affidato al progettista di automobili Alec Issigonis il compito di creare un'auto britannica che potesse stare in una scatola lunga 10 piedi, larga 4 piedi e alta 4 piedi. Inoltre, lo spazio per i passeggeri nell'auto doveva comprendere il 60 percento della lunghezza del veicolo.

Mini Cooper del 1959.  Vedi altro Immagini Mini Cooper. Copyright foto © 2002-2007 Keith Adams

Issigonis e il suo team sono passati dal concept alla produzione in due anni, un ciclo di sviluppo sorprendentemente breve per una concept car completamente nuova. Il segreto delle dimensioni della Mini era un layout del motore rivoluzionario. Issigonis ha deciso di creare un motore montato trasversalmente, il che significa che ha progettato l'auto in modo che il motore fosse montato lateralmente. Inoltre, ha montato il motore nella parte anteriore dell'auto, vicino alle due ruote anteriori. Le ruote anteriori guidavano l'auto e il peso aggiuntivo nella parte anteriore della Mini conferiva all'auto maggiore stabilità durante le curve strette. Il layout del motore salvaspazio ha permesso a Issigonis di creare un abitacolo con più spazio di quanto ci si aspetterebbe da un'auto così piccola. Potresti anche pensare che fosse più grande all'interno che all'esterno.

La piccola vettura presentava anche un tachimetro montato al centro, piccole ruote (posizionate agli angoli del veicolo, che gli conferivano una "posizione da bulldog") e pochissimi campanelli e fischietti. Leonard Lord ha esaminato la seconda generazione di prototipi e ha deciso di spostare la Mini nella produzione di massa. Nell'agosto 1959, le prime Mini uscirono dalle linee di produzione e entrarono in possesso degli automobilisti britannici.

Nel 1961, un costruttore di auto da corsa di nome John Cooper si avvicinò a BMC con l'intenzione di trasformare una Mini in un'auto da corsa praticabile. Issigonis obiettò; sentiva che la Mini dovrebbe essere pensata come l'auto per tutti. Cooper ha deciso di andare oltre la testa di Issigonis e ha ricevuto le benedizioni di BMC. Il risultato della partnership è stata la prima Mini Cooper, un'auto che ha vinto più gare, comprese tre vittorie al Rally di Monte Carlo. Nel 1963, Cooper apportò ulteriori modifiche al design del motore e della carrozzeria. Ha chiamato il suo nuovo design turbocompresso Mini Cooper S..

Mini Cooper del 1961 Copyright foto © 2002-2007 Keith Adams

A partire dal 1960, la BMC vendette Mini al mercato statunitense. Tra il 1960 e il 1967, circa 10.000 Mini furono vendute negli Stati Uniti. Sebbene BMC sia stata incoraggiata dalla risposta dei consumatori, l'aumento degli standard sulle emissioni ha costretto BMC a terminare le spedizioni. BMC ha stabilito che il costo per modificare il motore della Mini era troppo alto e gli Stati Uniti non avrebbero visto nuove Mini disponibili per l'acquisto fino al 2002.

Mini frode?

Negli Stati Uniti, le auto che hanno più di 25 anni sono esenti dalle normative sulle emissioni. Trovare un'auto di quell'età in buono stato di funzionamento rappresenta una vera sfida. Alcuni appassionati senza scrupoli sono noti per prendere le targhe del numero di identificazione del veicolo (VIN) da Mini più vecchie e metterle su Mini che non hanno ancora 25 anni. Affermano che l'auto originale è stata riparata in modo così estensivo che l'unica parte originale rimasta è la targa VIN (questo è noto nei circoli filosofici come il paradosso di Teseo).




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto