Jaywalking è ancora un crimine?

  • Paul Sparks
  • 0
  • 1236
  • 215
Jaywalking sta attraversando la strada in un luogo diverso da un incrocio o un passaggio pedonale. Ed è probabilmente illegale. Eric Fischer / Flickr / (CC BY 2.0)

Sei di fretta e non vuoi andare fino alle strisce pedonali per attraversare la strada. Comunque, chi se ne frega, giusto? Il negozio di cui hai bisogno è direttamente dall'altra parte della strada, non vicino all'incrocio. Quindi vai avanti e attraversa quando il traffico è libero.

Quello che hai appena fatto è jaywalked - attraversato la strada da qualche parte diverso da un incrocio o un attraversamento pedonale. Ed è probabilmente illegale. Ma perché?

Principalmente ha a che fare con la sicurezza dei pedoni in generale. E ha senso, considerando che i dati della National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA) mostrano un totale di 6.283 morti di pedoni nel 2018, un aumento del 3% rispetto al 2017.

Inoltre, mentre i pedoni rappresentano solo il 3% di coloro che sono coinvolti in incidenti stradali, rappresentano il 14% delle vittime del traffico. Anche se il 70% delle vittime di pedoni è dovuto a incidenti al di fuori degli incroci, molti si trovano agli incroci e agli incroci in cui sono concentrati gli attraversamenti pedonali.

Quindi, il jaywalking è illegale per motivi di sicurezza. Fatto. Ma la storia di jaywalking - e farla rispettare - è più complicata di quanto ci si potrebbe aspettare.

Storia del Jaywalking

Secondo Merriam-Webster, il termine "jaywalking" deriva da un termine più antico e più oscuro, "jay-driving". Jay-driving era usato per descrivere i conducenti di carrozze trainate da cavalli che guidavano ostinatamente sul lato sbagliato della strada.

Uno dei primi usi conosciuti della jay-driving nella stampa fu a Junction City, Kansas, Junction City Union nel giugno 1905; la stella di Kansas City usò il termine jaywalking nell'ottobre dello stesso anno. In entrambi i casi, la parola "ghiandaia" significava qualcuno che era inesperto in quello che stava facendo, come un succhiotto o un rube, e portava gravi implicazioni dispregiative.

Tuttavia, i primi usi del jaywalking descrivevano le cattive maniere sul marciapiede, piuttosto che attraversare illegalmente la strada, e Merriam-Webster afferma che non è noto il motivo per cui il significato del termine si è evoluto.

Si potrebbe presumere che una volta che l'automobile è diventata comune, l'auto è diventata anche uno status symbol: le guerre di classe erano legate a coloro che potevano permettersi di guidare e a coloro che erano bloccati a camminare. Ma in realtà è vero il contrario. Secondo un saggio su Salon, i conducenti erano gli outsider, in inferiorità numerica rispetto ai pedoni che si risentivano di essere spostati sui marciapiedi. Questa fase durò fino agli anni '20, quando l'industria automobilistica fece pressioni per rendere le città più adatte alle auto e per rendere il jaywalking prima un passo falso e infine un crimine. Le strisce pedonali furono aggiunte alle strade nel 1911 e le leggi contro il jaywalking furono diffuse negli anni '30.

Nel cuore del quartiere dello shopping di State Street, Chicago, all'inizio del XX secolo, pedoni, carrozze trainate da cavalli e automobili stradali condividevano la strada. Libreria del Congresso

Jaywalking come un crimine

In questi giorni, se vieni colpito mentre fai jaywalking, i tuoi diritti come pedone variano da stato a stato. La maggior parte degli stati vede la situazione in modo diverso a seconda che il pedone si trovi in ​​un attraversamento "controllato", con un passaggio pedonale o in un incrocio "incontrollato", senza segni o segnali.

A complicare ulteriormente le cose, i segnali stradali non hanno sempre lo stesso significato in ogni stato, e alcuni stati hanno leggi locali sul "camminare distratto" che consentono alle forze dell'ordine di emettere citazioni per reati come mandare SMS mentre attraversano un incrocio. Poi ci sono stati come il Michigan che non hanno leggi di attraversamento pedonale in tutto lo stato, lasciando che città e paesi scrivano e comunichino i propri regolamenti.

Quindi quando sei al volante, come tieni il passo con tutte le leggi? Considera quel vecchio mantra che potresti aver imparato molto tempo fa nell'educazione dei conducenti: "il diritto di precedenza è qualcosa che dai, non prendi". Sebbene le leggi per i conducenti, ancora una volta, variano da stato a stato, in generale, i conducenti devono cedere il diritto di precedenza ai pedoni nelle strisce pedonali e agli incroci con segnali di stop o segnali stradali. Ma ci si aspetta anche che i pedoni cedano il diritto di precedenza ai conducenti ovunque non vi sia un luogo stabilito per l'attraversamento dei pedoni.

Tuttavia, in 19 stati, i conducenti dovrebbero cedere a un pedone in qualsiasi punto della carreggiata. In un numero ancora maggiore di stati, i conducenti dovrebbero fermarsi e cedere ai pedoni in specifica prossimità del veicolo. Ancora confuso?

Per cercare di rendere le cose più semplici, almeno per le forze dell'ordine, la pubblicazione dell'NHTSA "Operazioni di applicazione della sicurezza dei pedoni: una guida pratica" istruisce gli ufficiali a "citare sia i conducenti che i pedoni, ma concentrarsi sui conducenti, poiché sono la popolazione meno vulnerabile . " In altre parole, pedoni e conducenti spesso condividono la responsabilità delle collisioni, ma autisti dovrebbe ricordare che è molto meno probabile che subiscano danni fisici.

I pedoni hanno sempre la precedenza?

Ma ti è stato costantemente detto che i pedoni hanno sempre il diritto di precedenza, anche se fanno jaywalking. Non è vero? Sorpresa, ci sono un paio di risposte a questa domanda. In primo luogo, dipende ancora dalle leggi locali. Secondo, se stai guidando e colpisci un pedone e questi sono feriti, è davvero importante chi aveva "ragione"? Probabilmente no.

Le linee guida dell'NHTSA per la sicurezza dei pedoni sottolineano che i pedoni sono ancora responsabili della propria sicurezza; tuttavia, è anche obbligo degli automobilisti stare all'erta per i pedoni, ovunque e in ogni momento.

E i jaywalker? È probabile che vengano penalizzati per la pratica? In generale, la risposta è probabilmente no (vedi Adesso è triste per maggiori informazioni).

La guida alle migliori pratiche per l'applicazione della legge di NHTSA rileva che "l'applicazione delle leggi sulla sicurezza dei pedoni è stata in genere minima", sebbene le leggi sul jaywalking siano solo una piccola parte di quella categoria complessiva e NHTSA non fornisce dettagli sulle leggi specifiche del jaywalking. (Abbiamo contattato l'NHTSA, che ha rifiutato di commentare l'applicazione del jaywalking, citandolo come una questione per le forze dell'ordine locali.)

In breve, sì, il jaywalking è illegale nella maggior parte delle giurisdizioni. Ma ricade su entrambi i piloti e i pedoni devono essere consapevoli delle leggi locali, ma anche in questo caso dovrebbero prevalere il buon senso e una priorità sulla sicurezza.

Quindi, se come automobilista colpisci qualcuno che sta facendo jaywalking, o se come pedone sei investito da un'auto mentre stai facendo jaywalking, le conseguenze legali variano a seconda di dove ti trovi. A parte le questioni legali, come automobilista offensivo o vittima di pedoni, la linea di fondo è che si è verificato un incidente potenzialmente letale perché uno o entrambi semplicemente non stavano prestando sufficiente attenzione.

Adesso è triste Secondo Salon e CounterPunch, l'attuale applicazione contro il jaywalking si rivolge in modo sproporzionato alle persone di colore. Ad esempio, nella città universitaria prevalentemente bianca di Champaign-Urbana, Illinois, l'89% delle persone citate per il jaywalking sono nere. Anche quando l'applicazione del jaywalking non è apertamente razzista, può prendere di mira i pedoni in modi fuorvianti o ingiusti, come mezzo per generare entrate piuttosto che per migliorare la sicurezza.



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto