Le biciclette rallentano il traffico automobilistico? In realtà, no

  • Thomas Dalton
  • 0
  • 4195
  • 471
Motociclisti e conducenti potrebbero essere in grado di condividere la strada senza causare rallentamenti. Dimitri Otis / Getty Images

Succede a tutti i conducenti ad un certo punto. Sei di fretta in centro, in ritardo a una riunione e stai cercando di recuperare il tempo, quando all'improvviso ti ritrovi bloccato dietro un ciclista. Sembra un po 'come un doppio smacco, perché come tutti sanno, le biciclette viaggiano molto più lentamente dei veicoli a motore e frenano il traffico in generale.

Solo, si scopre, quella particolare ipotesi ha appena colpito un dosso di velocità.

Così afferma uno studio pubblicato nel giugno 2020, in Transportation Research Record: Journal of the Transportation Research Board. Tre ricercatori della Portland State University hanno scoperto che su strade urbane a bassa velocità e poco volume - quelle senza piste ciclabili - la velocità dei veicoli a motore variava di 1,6 km / h o meno quando erano presenti i ciclisti.

Dubbi, comincia a schernirti.

È facile per i conducenti presumere che le biciclette causino rallentamenti, che poi si riversano in un traffico potenzialmente pericoloso e sostenuto. Ma considera di pompare i freni sul tuo scetticismo.

I ricercatori hanno completato il loro studio a Portland, Oregon, secondo alcune stime, sede di alcuni dei peggiori traffici negli Stati Uniti. Hanno scelto una domanda molto specifica a cui rispondere: "Le biciclette riducono la velocità di percorrenza delle autovetture sulle strade urbane senza piste ciclabili?"

Come parte della loro indagine, hanno osservato sei diverse strade in diversi momenti, comprese le ore di punta. Hanno cercato veicoli che seguivano altri veicoli a motore e poi quelli che seguivano i ciclisti.

Dopo un'analisi comparativa dettagliata, hanno scoperto che c'era solo un differenziale di velocità di 1 mph quando i ciclisti erano sulla carreggiata, appena sufficiente per causare un backup, tanto meno lo stallo che fa gemere gli automobilisti in agonia.

Naturalmente, sui pendii in discesa, c'erano ancora meno possibilità che gli automobilisti avessero motivo di preoccupazione, poiché i ciclisti sfruttavano la gravità per aumentare la loro velocità. E, naturalmente, le e-bike, che hanno una funzione di servoassistenza che aumenta la loro velocità, avevano ancora meno probabilità di essere sorpassate dalle auto, indipendentemente dall'inclinazione.

"La speranza è che il nostro studio dissuada i responsabili politici dal gettare le strade condivise come un'opzione praticabile a causa della percezione che i ciclisti ostacoleranno la mobilità e la velocità dei conducenti", ha detto Jaclyn Schaefer, uno degli autori dello studio, in un comunicato stampa. "Anche se la preferenza è quella di separare le modalità attraverso piste ciclabili separate e protette, ciò non è sempre possibile in ogni contesto urbano".

I ricercatori hanno in programma di espandere il loro studio per includere una maggiore varietà di strade, volumi di traffico e altre variabili per vedere come i ciclisti influenzano altri tipi di dinamica dei veicoli.

ORA È INTERESSANTE Il Copenhagenize Index valuta le prime 20 città del pianeta in termini di infrastrutture bike-friendly. La città numero 1? Copenaghen, dove oltre il 60% degli spostamenti lavorativi o scolastici avviene in bicicletta. Nessuna città degli Stati Uniti ha fatto il taglio, sebbene Minneapolis abbia fatto la lista in passato. Tuttavia, due città canadesi - Vancouver e Montreal - sono entrate nella top 20.



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto