Non puoi ancora portare la tua fantastica auto a guida autonoma fuori città

  • Rudolf Cole
  • 0
  • 1787
  • 180
Purtroppo, le auto a guida autonoma non riescono a scoprire il brivido della strada aperta. Ma alcuni scienziati del MIT stanno lavorando per cambiare la situazione. Peter Cade / Getty Images

Le auto a guida autonoma sono indiscutibilmente gente di città. Inviare uno di questi veicoli, che si basano su GPS e sensori piuttosto che su conducenti umani per il funzionamento, nelle montagne del Colorado è come lanciare persone di Manhattan per tutta la vita nelle terre selvagge delle Montagne Rocciose e dire loro di trovare la strada di casa. Al momento, le auto a guida autonoma fanno molto affidamento su mappe 3-D finemente dettagliate dei loro ambienti cittadini, in cui tutto, dalle corsie stradali al posizionamento dei marciapiedi, è già noto al computer del veicolo e accoppiato a sofisticati sensori di bordo.

Ci sono circa 4 milioni di miglia di strade negli Stati Uniti, e circa il 35% di esse non sono nemmeno asfaltate, tanto meno mappate nei minimi dettagli dai fanatici del computer che garantiscono l'affidabilità delle auto a guida autonoma nelle aree metropolitane. Ecco perché i ricercatori del Massachusetts Institute of Technology (MIT) Computer Science and Artificial Intelligence Laboratory (CSAIL) stanno lavorando per rendere queste auto più capaci su strade e strade che non sono contrassegnate, ben illuminate ... o addirittura per niente mappate. Il progetto si chiama MapLite e potrebbe aiutare, beh, a spianare il futuro ai veicoli automatici per navigare in modo più sicuro.

MapLite richiede dati GPS di base, come quelli che troveresti sull'app di mappatura del tuo smartphone, per dare all'auto un'idea approssimativa della sua posizione. Quindi, il LIDAR di bordo (che sta per Light Detection and Ranging), un metodo di rilevamento remoto che utilizza raggi laser pulsati per rilevare le immediate vicinanze, rileva facilmente la superficie stradale perché la strada è molto piatta rispetto al tipico terreno naturale bitorzoluto. Un sensore di unità di misura inerziale (IMU) aggiunge più dati al mix e, complessivamente, i sistemi consentono all'auto di vedere circa 100 piedi (30 metri) avanti in un dato momento.

In altre parole, MapLite consente a queste auto di guidare solo tramite sensori, utilizzando mappe molto approssimative e dati GPS per istruzioni di base. Il LIDAR funge da sonda, denota i bordi della strada e si avvia verso punti sicuri "locali" che vede sulla strada per la destinazione finale. MapLite non può ancora manovrare le strade di montagna poiché non è in grado di gestire grossi cambiamenti di quota che potrebbero confondere il sistema. Ma questo è il prossimo ostacolo da superare.

"Immagino che le auto a guida autonoma del futuro faranno sempre un uso delle mappe 3-D nelle aree urbane", afferma in un comunicato stampa il dottorando CSAIL Teddy Ort, autore principale di un articolo sul sistema ". Ma quando saranno chiamati a fare un viaggio fuori dai sentieri battuti, questi veicoli dovranno essere bravi quanto gli esseri umani a guidare su strade sconosciute che non hanno mai visto prima. Ci auguriamo che il nostro lavoro sia un passo in quella direzione ",

ORA È INTERESSANTE Alcuni sistemi di guida autonoma, come MapLite, si appoggiano ai sensori di bordo. Altri, come Waymo, un fratello di Google, utilizzano anche un tipo di apprendimento automatico per affinare la consapevolezza della situazione e per affrontare pericoli come la neve e i pedoni. Le tecnologie di Waymo sono così sofisticate che le auto spesso percorrono migliaia di miglia senza alcun input da parte del conducente. Altri sistemi stanno ancora lottando, come quello impiegato da Uber, in cui i conducenti a volte devono intervenire quasi ogni miglio, per evitare di colpire e uccidere i pedoni che i computer contrassegnano come "falsi positivi".



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto