I veicoli autonomi saranno in grado di superare il limite di velocità?

  • Rudolf Cole
  • 0
  • 5163
  • 1568
Lanciarlo su una strada aperta, indipendentemente dalle regole, offre una certa emozione. Ma anche i robot la penseranno così? Marin Tomas / Getty Images

Immagina un futuro in cui sali sul retro del tuo veicolo autonomo a guida autonoma e gli ordini di portarti in una corsa di fast food a tarda notte. Immagina anche di essere particolarmente affamato quella notte. Sarai in grado di dire al conducente del robot di superare il limite di velocità indicato per arrivare alla finestra del drive-through un po 'più rapidamente? Oppure il robot ti ricorderà con una voce sintetizzata educata ma ferma che dovevi obbedire alle leggi sul traffico?

È una domanda difficile a cui rispondere, dal momento che i veicoli autonomi di livello 5 - i più autonomi equipaggiati per essere in grado di guidare in qualsiasi tipo di ambiente, senza l'intervento umano - sono ancora lontani nel futuro. Ma sembra probabile che quando le auto robotiche arriveranno sul mercato, saranno progettate per rispettare i limiti di velocità, tranne forse quando la sicurezza richiede un'accelerazione.

Alcuni anni fa, quando i veicoli autonomi sperimentali, o AV, iniziarono ad apparire per la prima volta sulle strade americane, Reuters riferì che le auto a guida autonoma di Google in realtà erano progettate per andare fino a 10 miglia (16 chilometri) più velocemente del limite di velocità, quando le condizioni del traffico lo ha reso necessario. Il problema non era che i robot diventassero impazienti, ma piuttosto che i conducenti umani superano regolarmente il limite di velocità indicato e tendono ad andare più veloci che pensano di poter farla franca, senza ottenere un biglietto. I ricercatori temevano che con tutti quegli umani là fuori che si agitavano all'impazzata, potesse essere pericoloso per i robot arrancare al limite legale o inferiore.

Ma finora, non ci sono segni che gli AV siano inclini ad accelerare. In California, l'unico stato che tiene traccia degli incidenti che coinvolgono veicoli autonomi, sono stati segnalati quasi 50 incidenti dal 2014. In molti di essi, è stato un veicolo a guida umana che ha bloccato un AV, spesso quando il robot ha rallentato con cautela cedere a un'altra macchina oa un pedone. In altri casi, i conducenti umani si sentivano frustrati dagli AV slow-poke e li tagliavano mentre cercavano di passare.

Secondo un rapporto del 2017 sui limiti di velocità della Conferenza nazionale dei legislatori statali, i pianificatori del traffico governativo immaginano un futuro in cui molto probabilmente gli AV saranno programmati per non superare il limite di velocità indicato in un'area. Inoltre, sperano che l'irreggimentazione renda le strade più sicure, perché ridurrà il pericolo che si sviluppa quando le strade sono piene di veicoli che viaggiano a velocità variabili. Al ribasso, notano gli autori, una proliferazione di robot rispettosi della legge significherà una riduzione delle entrate che i governi locali e statali hanno ottenuto dagli speeder dei biglietti.

Ma se mai arrivassimo al punto in cui abbiamo abbastanza AV sulla strada da poter avere percorsi autostradali solo robot, gli AV collegati in rete potrebbero essere in grado di viaggiare in sicurezza a velocità più elevate rispetto ai conducenti umani. La società di venture capital focalizzata sulla tecnologia Madrona ha creato uno studio del 2017 che prevede la conversione della US Interstate 5 nel Pacifico nord-occidentale in una strada esclusivamente AV.

Now That's Interesting I ricercatori dell'Università dell'Illinois affermano che, poiché i veicoli autonomi sono progettati per adattarsi e adattarsi alle manovre dei conducenti umani, anche una piccola percentuale di robot che guidano su un'autostrada - appena il 5% delle auto totali - potrebbe eliminare il fermo-e -andare onde che portano alla congestione.



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto