Il modello del concessionario auto è obsoleto?

  • Paul Sparks
  • 0
  • 1782
  • 473
Un giorno sedere con un venditore di auto a mercanteggiare sui numeri potrebbe essere un ricordo del passato? Westend61 / Getty Images

Tanto quanto tutti noi amore l'esperienza di acquisto di auto, potrebbero esserci grandi cambiamenti all'orizzonte. A metà ottobre 2017, due case automobilistiche alle estremità opposte del mercato hanno annunciato che stanno apportando modifiche al modo in cui i consumatori acquistano le loro auto.

Hyundai Motor Co. prevede di snellire il processo di acquisto di automobili rendendo prima i prezzi più trasparenti. Questo da solo dovrebbe alleviare alcuni dei vantaggi che i suoi venditori hanno sui consumatori. Gli acquirenti saranno anche in grado di completare la maggior parte dei documenti in anticipo dalla comodità della propria casa e, se cambieranno idea dopo aver firmato la linea tratteggiata, Hyundai offrirà una garanzia di rimborso di tre giorni sul loro acquisto. Il nuovo piano prende il via in alcune concessionarie Hyundai in Florida e Texas e dovrebbe essere lanciato negli Stati Uniti all'inizio del 2018.

Porsche sta cambiando le cose anche per i suoi clienti. A partire da novembre, la società di auto sportive di lusso inizierà a offrire Porsche Passport, una nuova app in abbonamento per i residenti della metropolitana di Atlanta. (Leggi tutto sul servizio di abbonamento nella nostra storia completa qui.) I membri possono guidare determinati modelli (in base al livello di iscrizione), sostituendo le auto senza doversi occupare di registrazione, chilometraggio o assicurazione. Porsche sta collaborando con Clutch Technologies, che offre già servizi di abbonamento di terze parti in alcune aree. Porsche Passport non è economico - parte da $ 2.000 al mese - ma è un modo nuovo e interessante di guidare un'auto senza comprarne una.

Naturalmente, questi due annunci sicuramente non segnalano la fine del tradizionale processo di acquisto di automobili. Dave Sloan, il presidente della Chicago Auto Trade Association, afferma che i concessionari di auto in franchising si limiteranno a battere i pugni, come hanno sempre fatto quando ci sono stati cambiamenti culturali o tecnologici.

Sloan spiega che ci vuole molto tempo prima che piccoli cambiamenti causino un cambiamento di direzione più ampio e, quindi, i concessionari hanno tutto il tempo per adattarsi.

"Penso che quelle siano sicuramente le evoluzioni del processo di acquisto, ma in realtà una continuazione di ciò che abbiamo visto negli ultimi 20 anni", dice Sloan via e-mail. "Sempre più informazioni sull'acquisto di un'auto sono diventate disponibili online. Penso che continueremo a vederne di più".

I tempi dei comunicati stampa di Hyundai e Porsche, nella stessa settimana, sono stati probabilmente poco più che una coincidenza, ma hanno ispirato molte conversazioni. Sloan spiega che nel caso di Hyundai, i concessionari devono ancora seguire l'esperienza online del cliente e i concessionari Porsche devono ancora gestire l'inventario poiché i clienti in abbonamento sostituiscono un veicolo con un altro.

E, naturalmente, entrambi gli scenari richiedono ancora la manutenzione e la riparazione delle auto. Sloan afferma che gli showroom Hyundai, in particolare, sono già abituati alle aspettative dei loro clienti di un processo di acquisto semplificato. Anche quando diventa più comune acquistare un'auto online dall'inizio alla fine, la maggior parte delle persone vorrà comunque vedere quell'auto prima di firmare sulla linea tratteggiata.

"Hai ancora bisogno di un posto dove ritirare e provare il tuo veicolo, anche se stai effettuando la maggior parte delle transazioni online", dice Sloan. "I concessionari sono una parte importante di questa equazione a causa di tutto ciò che fanno quotidianamente".

E non dimentichiamo Tesla. L'azienda di auto elettriche della California ha fatto scalpore quando ha lanciato il suo primo veicolo per il mercato di massa, la berlina Model S. Tesla è un caso interessante, perché al momento del lancio della Model S, la società vendeva veicoli in volumi relativamente bassi e queste auto costose e completamente elettriche tendevano ad attrarre acquirenti che erano aperti a un diverso tipo di esperienza.

Tesla possiede i propri showroom, invece di utilizzare il tradizionale modello di franchising. I clienti possono visitare uno showroom Tesla per controllare le auto e fare dei test drive. Gli showroom Tesla effettueranno ordini per le auto, ma molti clienti Tesla acquistano le loro auto online dopo averle guidate. Questo modello ha effettivamente vietato le vendite di Tesla in Texas, poiché la legge statale impone che solo i venditori di terze parti (cioè gli affiliati) siano autorizzati a vendere auto.

Tali leggi sono comuni, ma il Texas ha ricevuto molta attenzione per il suo tentativo del 2015 di rallentare il tiro di Tesla. La legge in Texas è così rigida che ai dipendenti dello showroom Tesla non è stato nemmeno permesso di discutere i prezzi con i potenziali clienti. Nel 2013, Tesla ha combattuto contro leggi simili in Virginia, North Carolina, Virginia, Texas, Minnesota e New York. Sloan afferma che queste leggi vanno a vantaggio dei consumatori e dei proprietari di concessionarie.

"Ogni stato del sindacato ha una legge sul franchising che autorizza i concessionari", dice, "e penso che credano che i concessionari apportino molto valore al grande acquisto rappresentato dall'acquisto di un'auto".

Tesla, insieme ad alcuni esperti del settore, ha suggerito che i concessionari si sentissero semplicemente minacciati dal nuovo arrivato innovativo e dal volto fresco e hanno sfruttato il potere del governo per soffocare la capacità dell'azienda di raggiungere i clienti. Molti di questi stati alla fine hanno modificato le loro leggi per consentire a Tesla di perseguire il proprio modello di business, che ha segnato il primo recente cambiamento significativo nel modello di concessionaria.

Il metodo tradizionale di acquisto di un'auto potrebbe volgere al termine, grazie ai tentativi di queste case automobilistiche di rivoluzionare il processo, ma probabilmente le concessionarie stesse saranno in giro per un bel po 'di tempo. Anche se i clienti preferiscono acquistare un'auto online o iscriversi all'intera gamma di una casa automobilistica invece di impegnarsi per un modello specifico, i concessionari in franchising sono ancora modi efficienti per rendere le auto accessibili per test e acquisti comparativi e fornire manutenzione e riparazioni.

In breve, gli acquirenti di auto potrebbero essere entusiasti dell'arrivo di cambiamenti nell'esperienza stressante e dispendiosa in termini di tempo dell'acquisto di un'auto, ma quell'eccitazione potrebbe essere prematura. Tuttavia, se queste strategie di Hyundai, Porsche e Tesla si dimostrassero efficaci, potrebbero alla fine essere adottate da altre case automobilistiche.

Now That's Cool Cadillac offre anche un servizio di abbonamento per i residenti di New York City che costa $ 1.500 al mese. E gli abitanti della Florida meridionale possono iscriversi a Revolve, un altro servizio di auto in abbonamento che include auto di Jaguar, Tesla, BMW, Mercedes-Benz e altre.



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto