Se gli esseri umani fossero costruiti per resistere a un incidente automobilistico, potrebbero assomigliare a questo

  • Peter Tucker
  • 0
  • 4256
  • 523

Se hai guidato o guidato regolarmente in macchina, è probabile che tu abbia avuto qualche contatto ravvicinato con il pericolo. Hai sbattuto i freni o sterzato appena in tempo, l'adrenalina inonda il tuo corpo e accelera il tuo battito cardiaco mentre orribili what-if ti corrono per la testa. Potresti anche essere stato coinvolto in un vero incidente.

Che si tratti di un piccolo paraurti o di una grave collisione, gli incidenti automobilistici non sono uno scherzo. Secondo la National Highway Traffic Safety Administration (NHTSA), nel corso del 2014 ci sono stati 32.675 decessi causati da incidenti solo negli Stati Uniti. Fortunatamente, gli ingegneri automobilistici stanno lavorando 24 ore su 24 per creare veicoli nuovi e sempre più sicuri. Gli ingegneri progettano, testano e riprogettano costantemente i veicoli per ottenere il quadro migliore dei pericoli coinvolti e salvare quante più vite possibili. (Nota a margine: abbiamo persino usato cadaveri come manichini per crash test.)

Tuttavia resta il fatto: non importa quanto le auto siano sicure ora o diventino in futuro, il corpo umano semplicemente non è in grado di resistere alle forze in gioco quando qualcosa va storto.

Ma cosa succederebbe se affrontassimo questo dilemma in un altro modo? E se, invece di evolvere le auto per adattarle alle persone, facessimo evolvere le persone per adattarle alle auto? Cosa diventeremmo? Queste sono le domande che l'artista Patricia Piccinini ha posto quando ha collaborato con il chirurgo traumatologico Christian Kenfield e l'esperto di collisioni David Logan. Le loro risposte hanno prodotto una scultura, un essere umano adattato specificamente per sopravvivere agli incidenti automobilistici. Il suo nome? Graham.

Sebbene Graham sembri imparentato con gli umani, sicuramente spicca tra la folla. Il suo cranio è molto più grande della media. Il suo cervello è uguale al nostro, ma racchiuso in un elmo migliore. (È circondato da più liquido cerebrospinale e il suo cranio ha, essenzialmente, zone di accartocciamento.) La sua faccia è ricoperta di tessuto adiposo per proteggere il naso, i seni e le orecchie da volanti, cruscotti e vetri rotti.

Inoltre non ha il collo. Invece, le sue costole arrivano fino al cranio, fornendo un supporto molto migliore per la sua testa. Quando seguiamo queste costole fino alla gabbia toracica, scopriamo che è piena di quelli che l'artista chiama "airbag organici". Questi espellono un fluido al momento dell'impatto, fornendo una protezione molto maggiore rispetto alla nostra struttura muscolo-scheletrica convenzionale. La pelle di Graham è anche più spessa e più dura, per ridurre la probabilità di abrasioni.

Se Graham incontra una situazione al di là della sua fisiologia migliorata, ha un asso nella manica in più: un'articolazione extra su ogni piede gli consente di fare un salto a molla lontano dal pericolo.

Ovviamente, nonostante il livello di dettaglio fotorealistico, Graham non è un essere vivente. E non ci sono, a questo punto, piani per farlo diventare uno. Invece, Piccinini e il suo team intendono che Graham sia un antipasto di conversazione. È uno strumento educativo, inteso a sottolineare l'importanza dei sistemi di sicurezza e per ricordare a tutti noi quanto siamo effettivamente vulnerabili, un promemoria visivo di ciò che sarebbe necessario agli esseri umani per resistere alla punizione di un incidente automobilistico.

Guarda il video qui sopra per ulteriori informazioni su - e uno sguardo più da vicino - Graham. Scambieresti il ​​tuo aspetto attuale con questa assicurazione auto biologica altamente efficace? 




Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto