Come funzionano le macchine Tucker

  • Vlad Krasen
  • 0
  • 1530
  • 296
Il Tucker Torpedo del 1948 era notevolmente innovativo, ma furono prodotte solo 50 auto.

Preston Thomas Tucker era un esuberante, 200 libbre, sei piedi che sognava in grande e poteva raccogliere molti soldi - velocemente. Era un veterano del settore con esperienza di vendita presso Stude-baker, Dodge e altrove, e un imprenditore incallito che si assicurò un finanziamento da Henry Ford per costruire auto da corsa Indy nel 1935. Nel 1937 costruì anche un'auto da ricognizione militare ad alta velocità. 1948, Tucker sorprese tutti con "L'auto più completamente nuova degli ultimi cinquant'anni".

Era nuovo. Una berlina quattro porte fastback a forma di siluro, la Tucker "48" sembrava proprio l '"auto del futuro" attesa da tempo dagli americani stanchi della guerra. Disegnato dal lungimirante Alex Tremulis su un passo di 128 pollici, era lungo 219 pollici ma alto solo 60 pollici - basso per il giorno. L'ingegneria si è rotta altrettanto bruscamente dalla convenzione di Detroit, con sospensioni completamente indipendenti e sei piatti montati sul retro. Quest'ultimo derivava da un elicottero raffreddato ad aria durante la guerra, ma vantava un sistema di raffreddamento ad acqua completamente sigillato, una novità del settore. La potenza era di 166 e una coppia di 372 piedi della libbra da 335 pollici cubi, ma il propulsore interamente in lega pesava solo 320 libbre. Il telaio era del tipo perimetrale a sezione scatolare robusto con un telaio ausiliario a ciascuna estremità.

Mancanza di tempo, denaro e persino tecnologia precludeva un parabrezza curvo, freni a disco, molle in gomma "Torsilastic" e altre innovazioni proposte da Preston. Ma l'auto aveva ancora molte novità: faro centrale "a occhio di ciclope" che girava con le ruote anteriori, porte tagliate nel tetto per facilitare l'entrata / uscita, una spaziosa cabina per sei passeggeri con pavimento "step-down" e anteriore intercambiabile / sedili posteriori (per uniformare l'usura della tappezzeria). Le caratteristiche di sicurezza abbondavano, anche, e includevano enormi paraurti; manopole, pulsanti e leve incassati o protetti; vetro del parabrezza che è saltato fuori in modo innocuo all'impatto; e una "camera di sicurezza" dove i passeggeri anteriori potevano immergersi "in caso di collisione imminente".

Nonostante le sue dimensioni e 4.200 libbre di peso, il Tucker poteva gestire lo sprint da 0 a 100 km / h in circa 10 secondi. La velocità massima era di almeno 120 mph, grazie allo stile aerodinamico con un coefficiente di resistenza stimato di 0,30 - buono anche oggi. I test di fabbrica hanno mostrato 20 mpg credibili a 50-55 mph costanti. Altrettanto bello, il layout del motore posteriore, le sospensioni completamente indipendenti e lo sterzo centrale combinato per una manovrabilità sorprendentemente facile e una tenuta di strada sicura.

Il Tucker avrebbe probabilmente venduto bene nonostante un prezzo previsto simile a una Cadillac di circa $ 4.000. Ma la produzione si è conclusa a sole 50 auto, più il famoso prototipo "Tin Goose". Tutti furono costruiti prima dell'agosto 1948, gli ultimi 37 su una breve catena di montaggio in uno stabilimento Dodge ristrutturato in tempo di guerra nel South Side di Chicago.

Preston ha sempre affermato che il Tucker era troppo bello per vivere, e le prove suggeriscono che l'establishment di Detroit si sentisse minacciato da ciò. Ma lo stesso Tucker ha condannato l'impresa muovendosi con fretta sospettosa emettendo $ 15 milioni di azioni per finanziarla. Ciò ha portato ad accuse di tattiche di "vendita rapida" e ad un'indagine da parte della Securities and Exchange Commission che ha attirato un'ondata di pubblicità negativa. Detto ciò, Tucker e sette collaboratori furono processati nell'ottobre 1949 per 31 capi di cospirazione, titoli e frode postale. Tutti furono assolti nel gennaio 1950 dopo quello che la giuria definì un procedimento farsa. Ironia della sorte, Tucker Corporation aveva ancora i fondi per produrre la sua auto, ma la fiducia del pubblico era scomparsa da tempo. I ricevitori hanno considerato brevemente di andare avanti prima di mettere tutto all'asta a 18 centesimi di dollaro. Il sogno di Tucker era morto.

Tremulis in seguito disegnò una splendida coupé fastback chiamata Talisman come una nuova Tucker degli anni '50 proposta, e anche Preston apparentemente aveva ancora speranze di costruire un'auto dopo il suo calvario a Chicago. Anche se rotto dall'esperienza, Tucker si trasferì in Brasile e stava progettando un'auto sportiva in kit a due posti, la Carioca, quando morì il 26 dicembre 1956. Aveva solo 53 anni..

Da allora la saga di Tucker è stata impegnata nel film Tucker: L'uomo e il suo sogno, uscito nel 1988. Sebbene il film sia un buon dramma, il regista / produttore Francis Ford Coppola gioca veloce e sciolto con alcuni fatti, proprio come faceva di tanto in tanto Preston. Ad esempio, la sequenza di chiusura della "parata" mostra quasi tutti i Tucker costruiti, comprese due di proprietà dello stesso Coppola, ma quelle poche preziose auto non hanno mai fatto una processione trionfante subito dopo l'annuncio del verdetto di Tucker, figuriamoci nell'imprevedibile clima primaverile di Chicago. Almeno non dovresti preoccuparti per i Tuckers che vengono distrutti in una scena precedente; sono repliche.

Per ulteriori informazioni sulle auto americane defunte, vedere:

  • AMC
  • Duesenberg
  • Oldsmobile
  • Plymouth
  • Studebaker



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto