Come funziona l'Endurance Racing

  • Rudolf Cole
  • 0
  • 2232
  • 410
L'Audi di Rinaldo Capello d'Italia, Allan McNish della Gran Bretagna e Tom Kristensen gareggia durante la 24 Ore di Le Mans sul Circuit des 24 Heures du Mans il 16 giugno 2007 a Le Mans, in Francia. Ryan Pierse / Getty Images

Il ruggito della folla, l'urlo dei motori e i lamenti dei meccanici che lottano per portare i loro veicoli bruciati e guasti sul traguardo: questo è il motorsport di resistenza.

Le corse automobilistiche di durata esistono quasi da quando ci sono state auto da correre. Nel 1900, i piloti percorrevano le loro jalopies lungo un circuito italiano di resistenza chiamato Coppa Florio, che correva per circa 115 miglia (185 chilometri) da Brescia a Cremona a Mantova (Mantova) e ritorno. I corridori a volte percorrevano più giri di questo percorso su Panhard, Mercedes, Darracq e Fiat, auto che per gli standard odierni erano poco meglio di trappole a sonagli truccate, su strade insidiose e mal tenute.

Allora come oggi, la gara è stata una prova tanto del metallo di un veicolo quanto del coraggio del suo pilota, e costruttori e fantini automobilistici hanno condiviso il merito - e gli onori - per la vittoria.

La Coppa Florio e le sue simili, in cui i piloti gareggiano per completare una certa distanza i più veloci, appartengono a una delle due principali categorie delle gare automobilistiche di durata. L'altro consiste nel vedere chi può viaggiare più lontano in un tempo prestabilito. Queste gare a tempo possono durare da poche ore a mezza giornata, o anche un intero periodo di 24 ore.

La prima gara di 24 ore si svolse nel 1907 a Brooklands, un circuito automobilistico di 2,8 miglia (4,4 chilometri) e un aeroporto nel Surrey, in Inghilterra. Brooklands è stato il primo speedway mai costruito appositamente per le corse automobilistiche. Oggi, una delle gare più famose al mondo, Le Mans, rimane una gara di 24 ore.

Il motorsport endurance è cresciuto notevolmente nel corso degli anni. Non c'è da meravigliarsi: le gare di resistenza racchiudono tutta l'eccitazione delle gare più brevi, ma aggiungi il dramma dei guasti meccanici catastrofici e l'attrito costante e straziante dei veicoli vitali mentre le leggi della fisica hanno il loro pedaggio. Naturalmente, l'espansione ha anche significato che lo sport si è ramificato e diventato più complesso. Le gare ora si suddividono in numerose categorie e sottocategorie in base al tipo di auto, produttore o produttore privato, durata del corso e dell'evento, numero di piloti e così via.

Tuttavia, emergono alcuni punti in comune. In questo articolo, ti metteremo al posto di guida per un rapido tour di ciò che rende le gare di resistenza così impegnative ed emozionanti. Quindi, allaccia le cinture e guarda quegli RPM.

Contenuti
  1. Ruote chiuse e manette aperte
  2. La Triple Crown e la Racing Series
  3. Schiena più forti: problemi tecnici e escrescenze

Le gare di resistenza si distinguono dagli altri tipi di sport motoristici in quanto mettono alla prova non solo la resistenza e l'abilità del pilota, ma anche la durevolezza e l'affidabilità sostenute del veicolo. Che si tratti di 24 ore a Le Mans, 12 ore a Sebring, 10 ore a Petit Le Mans o 1.000 chilometri (621 miglia) nelle gare europee, questi eventi dimostrano non solo quale squadra di guida è suprema, ma anche quale macchina può distanza.

Non c'è da meravigliarsi che le case automobilistiche siano così orgogliose di vantarsi delle loro vittorie nelle grandi gare di durata. Tuttavia, le case automobilistiche non detengono il monopolio sui veicoli da corsa di resistenza, tutt'altro. Gruppi indipendenti, conosciuti nel mondo delle corse come "corsari", schierano anche flotte di flotte sul circuito.

Le gare di resistenza di solito si svolgono su piste chiuse con auto a ruote chiuse (a differenza delle auto da formula, che hanno ruote aperte, cioè ruote esterne alla carrozzeria). L'evento tipico coinvolge squadre da due a quattro piloti che tentano di coprire una determinata distanza il più veloce o di andare più lontano in un tempo specificato. Nel corso della gara, i piloti devono effettuare delle soste ai box per rifornire e riparare la vettura, nonché per cambiare pilota, ognuno dei quali percorre uno "stint" della durata di circa un'ora - 90 minuti. A causa dell'importanza tattica di questi cambi, gli stint possono essere molto variabili in lunghezza. Alcune gare limitano la durata dello stint per motivi di sicurezza.

Diverse classi di auto competono per premi di resistenza. Alcune classi sono popolate da prototipi costruiti secondo le specifiche stabilite per quella gara. La Le Mans Series (LMS) e la American Le Mans Series (ALMS) utilizzano da sole due classi di prototipi di auto a ruote chiuse. La prima classe, chiamata Le Mans Prototype 1 (LMP1), è notoriamente prodotta da Audi, Peugeot e Aston Martin. Le auto LMP2 sono più piccole, più leggere e meno potenti, ma hanno rapporti potenza / peso potenzialmente migliori. Porsche, Acura e Mazda sono note per i loro prototipi LMP2.

Inoltre, tre classi di auto sportive, tra cui Corvette, Vipers, Saleens, Aston Martin, Porsche, Ferrari e BMW GT, competono anche agli eventi LMS e ALMS. Le gare possono anche essere limitate a "spec cars" (in cui tutti i piloti guidano la stessa marca di auto, con lo stesso telaio e motore) o touring (veicoli basati non su auto sportive ad alte prestazioni, ma piuttosto su auto stradali).

Anche nelle gare che percorrono distanze così grandi e durano così a lungo, piloti e veicoli spesso ottengono la vittoria con un margine ristretto. Alla fine sono arrivate molte gare di 24 ore a cui la squadra ha commesso il minor numero di errori.

Ora che abbiamo le basi, facciamo un giro sul circuito.

Dakar Rally

Le gare di endurance fuoristrada come il Dakar Rally uniscono le sfide mentali e meccaniche delle gare di endurance con il martellante vero e proprio della guida da rally. A differenza dei rally tradizionali, che utilizzano auto stradali convertite, Dakar utilizza veri fuoristrada e attraversa terreni più aspri, tra cui dune, fango, rocce ed erba.

La durata della gara varia. I piloti hanno percorso fino a 9.321 miglia (15.000 chilometri) in una singola Dakar, sebbene le corse fuoristrada a tempo rappresentino solo una parte di quella distanza.

Dakar ha attraversato l'Europa meridionale e l'Africa dal 1978 al 2007. Dopo la sua cancellazione nel 2008 a causa di preoccupazioni legate al terrore, si è trasferita in Sud America, dove rimane fino ad oggi.

Andy Priaulx guida la BMW # 90 Rahal Letterman Racing BMW M3 GT2 durante la 12 Ore di Sebring ALMS al Sebring International Raceway il 20 marzo 2010 a Sebring, Florida. Rick Dole / Getty Images

Il Gran Premio d'Endurance di Le Mans, noto anche come la 24 Ore di Le Mans, rimane la più prestigiosa di tutte le gare di durata. Si tiene quasi ogni anno dal 1923 sul circuito di corse su strada Sarthe, lungo 13,7 chilometri, vicino a Le Mans, in Francia. Più classi di veicoli competono fianco a fianco, con premi che vanno sia al vincitore assoluto che al vincitore di ogni classe.

Le Mans è il primo gioiello nella Triple Crown delle gare di endurance, come sono note le tre gare di endurance storicamente più impegnative. La 24 Ore di Daytona, tenutasi al Daytona International Speedway di Daytona Beach, in Florida, e la 12 Ore di Sebring, tenutasi al Sebring International Raceway, un'ex base dell'aeronautica militare a Sebring, in Florida, completano il Triple Crown.

La 24 Ore di Daytona ha cambiato nome in quanto è passata attraverso vari sponsor (attualmente si chiama Rolex 24 di Daytona), ma la gara è rimasta più o meno la stessa. I piloti si scontrano con vetture da turismo e prototipi di Daytona su un percorso stradale combinato di 5,6 chilometri. Parte della gara si svolge sulla pista NASCAR e parte si svolge su un tortuoso percorso stradale interno. La pista tri-ovale di Daytona ha una forma tra un ovale e un triangolo, e di conseguenza ha curve più acute rispetto a una pista ovale quadrata o ovale vera.

Corri su uno dei più antichi circuiti ininterrotti negli Stati Uniti, la 12 Ore di Sebring consiste in un percorso stradale di 3,7 miglia (6 chilometri), 17 curve con lunghi rettilinei, curve ad alta velocità e impegnative curve lente. Gli appassionati di corse conoscono la pista di Sebring per la sua superficie ruvida e accidentata, parti della quale corrono lungo vecchie sezioni dei campi di atterraggio dell'era della seconda guerra mondiale. Queste condizioni difficili, unite al caldo della Florida centro-meridionale, rendono Sebring un percorso davvero impegnativo sia per l'auto che per il pilota.

La popolarità del motorsport endurance ha dato origine a diverse serie di corse, solitamente ispirate o ancorate da una grande gara di campionato. Esempi di spicco includono la Rolex Sports Car Series di 12 gare, che inizia con la 24 Ore di Daytona, la American Le Mans Series (ALMS) e la Le Mans Series (LMS).

Potresti immaginare che tutta l'ingegneria necessaria per realizzare gare di endurance affidabili ed efficienti in termini di consumo di carburante potrebbe essere utilizzata al meglio nelle auto di consumo. Come vedremo nella prossima sezione, hai ragione sui soldi.

Ron Fellows guida la sua Corvette durante la Rolex 24 Ore di Daytona sull'International Speedway di Daytona Beach, in Florida. Jon Ferrey / Allsport / Getty Images

I piloti nelle gare di durata devono variare il modo in cui guidano per bilanciare il consumo di carburante e le prestazioni, e devono persino regolare la distribuzione del peso e bilanciare i turni durante la gara. A causa delle pesanti esigenze in pista, auto, pilota e equipaggio, le gare di resistenza hanno dato origine ad alcuni dei progressi tecnici più significativi nel motorsport.

Il motorsport endurance si è evoluto come un tipo diverso di sfida rispetto al Grand Prix. Invece di costruire auto che potrebbero far saltare le porte della concorrenza per una corsa di resistenza, sprint o breve, gli ingegneri hanno affrontato il test di costruire veicoli che fossero sia sportivi che affidabili, per non parlare del più efficiente possibile in termini di consumo di carburante, per ridurre il consumo di carburante. il numero di pit stop.

Pertanto, le gare di durata hanno contribuito a guidare la ricerca sull'efficienza del carburante, l'affidabilità e l'aerodinamica. Tutte le auto da corsa richiedono affidabilità e stabilità, ovviamente, ma questi fattori sono diventati particolarmente importanti nelle gare di resistenza fuori pista, dove le strade non erano mantenute per le condizioni di gara e un'auto poteva davvero subire un pestaggio nel corso di una giornata.

Anche gli pneumatici sono sempre stati una delle principali preoccupazioni nelle gare di resistenza. Gli effetti su accelerazione, frenata e manovrabilità dei pneumatici che si surriscaldano e si consumano possono essere sostanziali e la frequenza con cui è necessario sostituire i pneumatici, insieme alla velocità con cui il personale ai box può cambiarli, può fare una grande differenza nel risultato di una gara. Un pilota ha detto che cambiare le gomme della sua vettura con una marca diversa ha permesso alla sua squadra di risparmiare 4 secondi al giro su una Corvette ufficiale a Sebring.

Gli pneumatici che possono durare più di uno stint con un solo pilota forniscono un grande vantaggio al team che li equipaggia. Tuttavia, ciò richiede pneumatici in grado di fornire ancora aderenza alla strada anche se usurati e un po 'freddi, quando il loro coefficiente di attrito è al minimo.

Risolvere problemi come questi durante le gare di durata fornisce ai produttori di pneumatici un utile obiettivo per la ricerca, anche se le gare forniscono un banco di prova per testare le prestazioni, la longevità e la costanza dei loro pneumatici. Considera anche la pubblicità positiva che potrebbe venire dall'avere il prodotto della loro azienda sull'auto che vince Le Mans, Daytona o Sebring. La Michelin deve essere d'accordo: nel 2009 ha fornito pneumatici per 41 delle 55 vetture iscritte a Le Mans.

Quindi, la prossima volta che guardi un adesivo del chilometraggio o acquisti un set di pneumatici da 70.000 miglia (112.654 chilometri), risparmia un pensiero per le gare di resistenza. Sia che tu lo consideri un grande grande terreno di prova, o ti diverti nell'eccitazione di spingere i limiti della macchina e del guidatore, è qualcosa per cui andare su di giri.

Per ulteriori informazioni sulle gare di resistenza e altri argomenti correlati, seguire i collegamenti nella pagina successiva.

articoli Correlati

  • Il quiz definitivo sulla fisica automobilistica
  • Come funziona la Formula Uno
  • Come funziona il drifting
  • Come funziona la gimkana
  • Come funzionano le scuole di corse
  • Come funzionano le tecniche di corsa di stock car
  • Perché la NASCAR non corre sotto la pioggia?

Altri ottimi link

  • Grand American Road Racing Association
  • International Automobile Federation (Federation International de l'Automobile)
  • United States Endurance Racing Association

fonti

  • Organizzazione sportiva Amaury. "La strada." (8 febbraio 2011) http://www.dakar.com/dakar/2011/us/route.html
  • Automobile Club de l'Ouest. "Una corsa leggendaria." (4 febbraio 2011) http://www.lemans.org/en/races/24h/history.html
  • Blanc, Desiree. "Merdeka Millennium Endurance Race 2010: il pilota Lamborghini Christopher Haase vince la 12 ore di Sepang." 9 agosto 2010. (3 febbraio 2011) http://speedmagazine.net/2010/08/09/merdeka-millennium-endurance-race-2010-lamborghini-driver-christopher-haase-wins-the-12 -ora-gara-a-sepang /
  • ClassicDriver.com. "Mercedes alla Targa Florio e alla Coppa Florio 1924 - 80 anni dopo". 14 aprile 2004 (3 febbraio 2011) http://www.classicrollsroyce.com/uk/magazine/3300.asp?id=12005
  • Considine, Tim. "Lezioni apprese! - Corse." 19 gennaio 2010. (4 febbraio 2011) http://www.roadandtrack.com/racing/motorsports/lessons-learned!
  • Corvette Racing. "Rapporto delle sei ore di Le Mans: battaglia al fronte." 12 giugno 2010. (7 febbraio 2011) http://www.corvetteracing.com/history/2010releases/lemans/lemans4.shtml
  • Speedway internazionale di Daytona. "Rolex 24 a Daytona." (3 febbraio 2011) http://www.daytonainternationalspeedway.com/Tickets-Events/Events/2010/Rolex-24/Rolex-24-At-Daytona.aspx
  • ESPN F1. "Sebring International Raceway." (4 febbraio 2011) http://en.espnf1.com/f1/motorsport/circuit/1278.html
  • Hibbard, Jamie. "Gulf Pro: Aston Martin e Audi scendono in pista per testare le loro vetture LMP1." 10 marzo 2009. (8 febbraio 2011) http://www.topgear.com/uk/car-news/aston-martin-audi-le-mans-2009-03-10
  • MTD. "Pirelli terzo posto alla Dakar: primo traguardo corsaro". 18 gennaio 2011 (8 febbraio 2011) http://www.moderntiredealer.com/News/Story/2011/01/Pirelli-places-third-at-Dakar-first-privateer-finish.aspx
  • Schultz, Jonathan. "High Peaks, High Drama nel Rally Dakar 2011". 17 gennaio 2011 (3 febbraio 2011) http://wheels.blogs.nytimes.com/2011/01/17/high-peaks-high-drama-in-2011-dakar-rally/
  • Circuito internazionale di Sebring. "Benvenuto a Sebring." (4 febbraio 2011) http://www.sebringraceway.com/
  • Siano, Giuseppe. "Auto Racing: Notebook: una frazione di secondo dalla storia." 19 giugno 1996 (4 febbraio 2011) http://www.nytimes.com/1996/06/19/sports/auto-racing-notebook-a-split-second-from-history.html
  • Vorano, Neil. "Hans Herrmann, geniale nonno con il piede ancora sul gas." La nazionale. 3 febbraio 2011 (7 febbraio 2011) http://www.thenational.ae/lifestyle/motoring/hans-herrmann-genial-grandfather-with-his-foot-still-on-the-gas



Nessun utente ha ancora commentato questo articolo.

Gli articoli più interessanti su segreti e scoperte. Molte informazioni utili su tutto
Articoli su scienza, spazio, tecnologia, salute, ambiente, cultura e storia. Spiegare migliaia di argomenti in modo da sapere come funziona tutto